Nonostante tutto

Ed eccoci a gennaio 2014, con una ripartenza un po' a rilento a causa del periodo festivo del personale della tipografia. Tanti i servizi da non perdere, solo di alcuni ne accenniamo qui sul sito; è opportuno che gli appassionati si affrettino a rinnovare o a stipulare il proprio abbonamento a Voce della montagna: solo così infatti il giornale giungerà interamente e direttamente all'indirizzo desiderato. Abbiamo fiducia nei nostri lettori e nei nostri abbonati. Voce della montagna infatti entra con questo numero nel suo trentunesimo anno di vita e questo senza mai contributi o aiuti di politici o di enti pubblici e privati. Siamo stati sempre liberi e tali vogliamo rimanere, l'importante che i nostri lettori ci diano una mano coi loro abbonamenti.

In prima pagina ecco la storia di Primo Paoli, il carabiniere che si è salvato dalla strage di Malga Bala solo perché febbricitante, una storia straordinaria, da leggere a 70 anni dall'avvenimento su a Malga Bala, a pochi chilometri da Cave del Predil.

 

La Pontebbana è ancora ristretta lungo l'arco tra Pietratagliata e il Ponte di Muro a seguito dell'incendio dell'estate scorsa, strada interrotta perché.... i soldi sono finiti: la solita barzelletta all'italiana, nonostante le promesse della Serracchiani in pubblico a Pontebba, come del resto la messa in sicurezza del territorio per evitare ulteriori alluvioni....

I ragazzi del Paschini di Tolmezzo in cattedra....

Ed ecco ... la fine di un mito, a Pontebba, col Guerrino Macor e sua moglie Renza in pensione...

Il CAI col suo presidente Gabriele Vuerich col suo nutrito programma del 2014....

Alex e i suoi di casa, a Moggio, "Al Capriccio", un ristorante-pizzeria all'avanguardia....

Gli atleti del Judo Club di Tolmezzo da un podio all'altro...

Ancora un ricordo dell'indimenticabile maestro Dario di Ovaro...

Grande festa dei donatori di sangue a Chiusaforte....

Da uno stavolo all'altro nel Resiano...

Festa di compleanno a Sutrio.... da non dimenticare

Cinquantesimo e sessantesimo di matrimonio nel coro dell'UTE della Carnia, due grandissime feste alla chiesa dei salesiani di don Bosco....

 

E tanti, tanti altri servizi e articoli per i nostri lettori e abbonati fedeli....

Si ringrazia in anticipo quanti stipuleranno o rinnoveranno con urgenza il proprio abbonamento a Voce della montagna.

Buon 2014 a tutti

La Redazione di Voce della montagna porge a tutti i suoi abbonati, lettori e sostenitori i migliori auguri di Buon 2014, nella speranza che tra 365 giorni l'alba del nuovo giorno possa essere più serena e più promettente di quella di questi giorni. Voce della montagna, ormai al suo trentunesimo anno di vita, contrariamente a qualche solita malignità di invidiosi o di disfattisti, si augura e si propone di essere ancora in prima fila per superare insieme il tunnel e portarsi fuori, alla luce splendida del nostro sole di montagna, con maggiori soddisfazioni per chi ama e vuol rimanere a vivere in questo lembo di paradiso terreno. E che il buon Dio, come sempre, non si stanchi di esserci vicino e non ci abbandoni, mai!

 

Un doveroso chiarimento su Malga Bala

Il Messaggero Veneto di Udine, nei giorni scorsi, ha pubblicato un articolo a firma del proprio corrispondente tarvisiano Giancarlo Martina sulla richiesta avanzata dal sindaco di Tarvisio al Presidente della Repubblica invitandolo a presenziare a Tarvisio il prossimo 25 marzo, settantesimo della strage di Malga Bala, la grande cerimonia già in calendario. Un articolo molto confuso e in diverse parti lacunoso, soprattutto là dove vengono dati meriti a personaggi che della vicenda non hanno avuto alcunissimo merito se non quello di essersi serviti dei lavori altrui. Ed ecco la risposta che il direttore di Voce della Montagna, Antonio Russo, autore di numerosi libri di storia sulle vicende dell'Alto Friuli, tra cui le varie edizioni di Planina Bala sulla strage di Malga Bala, ha voluto pubblicare nella speranza di contribuire a chiarire la vicenda. Basta leggere con attenzione quanto scritto dal Russo e la storia di Malga Bala viene illustrata dalle sue origini.

http://www.vocedellamontagna.it/images/stories/planina%20bala%20web.jpg

"Ho fatto passare volutamente alcuni giorni dall’ultimo articolo sul Messaggero Veneto relativamente all’invito fatto dal sindaco di Tarvisio al Presidente della Repubblica in occasione del Settantesimo della strage di Malga Bala del marzo prossimo. La vicenda di questi 12 Carabinieri Martiri è ormai nota a tutti, ma ritengo che un chiarimento da parte mia si renda necessario dal momento che sono stato chiamato in causa,  date le tantissime incongruenze che, volutamente, qualcuno continua a insinuare e a propagandare senza minimamente tener conto della realtà dei fatti e degli avvenimenti. E chiedo scusa  in anticipo se estendo tale chiarimento su diverse pagine del Facebook. Ma è giusto che ognuno sappia la verità, dato che si tratta di avvenimenti del nostro territorio e dato che qualche articolo di stampa continua a seminare stupidaggini e disinformazioni, senza alcuna informazione veritiera prima di esternare notizie false. Della strage dei Carabinieri, della Resistenza alle porte della Caserma Italia, del Martirio di Giovanni Grillo a Pontebba ecc. mai nessuno ne aveva parlato fino a quando il sottoscritto, con sacrifici enormi e rischi anche personali molto evidenti, ha dato alle stampe “Come foglie al vento”, “Alle porte dell’inferno”, “Planina Bala” nelle varie edizioni e ristampe che anno dopo anno si sono susseguite, “L’ultimo parroco di montagna”, “Dal Buric e a Chiout Zuquin ecc. ecc.” e ai tanti articoli e altri libri allegati o collegati. Qualcuno, e solo e stranamente  a Tarvisio, ha cercato di dare merito di quasi tutto, almeno sulla strage dei carabinieri, ad altre persone e in particolare al maresciallo di Brescia, signor Varano, come evidenziato anche nell’articolo dell’altro giorno sul Messaggero, dimostrando, volutamente,  di disconoscere totalmente i fatti e di non volersi accertare bene prima di scrivere, unitamente a qualche politico o amministratore amico o portatore di divisa a cui piace tenere i piedi in diverse scarpe. A me piacerebbe solo sapere, da Varano o da chi a Tarvisio continua a sbandierare bandiere diverse, da chi, come e quando è stato loro rivelato il nome di “malga Bala”, per esempio… Questo per dire e rimarcare che senza quei lavori e quei libri di un certo Toni Russo e senza che lo stesso avesse affiancato e sostituito o preso le redini delle manifestazioni tarvisiane relative alla strage dei Carabinieri e degli avvenimenti della Caserma Italia, per anni e anni,  quanti avrebbero conosciuto, com’è invece avvenuto, questi avvenimenti e se ora saremmo  a questo grado di conoscenza e di organizzazioni storiche e sociali? Merito al maresciallo Varano e a tanti altri, di mezza Italia, di aver “aiutato” e collaborato con noi, con alcuni ex carabinieri dell’ANC di Tarvisio o alcuni Reduci della Gaf, merito all’Arma di aver saputo alla fine accollarsi l’organizzazione del 25 marzo, dopo i tanti, da decenni e decenni,  sacrifici e impegni del sottoscritto, di Cesare Urbica, di Federico Buliani, di Basilio De Damiani e di altri.  Altri invece  hanno saputo cavalcare queste cose, astutamente e abilmente, disconoscendo o calpestando quanto da me prodotto,  ma, ripeto, senza i lavori, gli impegni e i libri del Russo,  i Carabinieri di Malga Bala, i Reduci della Gaf, Giovanni Grillo e via dicendo sarebbero del tutto o in gran parte a noi sconosciuti. Non per altro e solo per questo nel luglio del 2010 il sottoscritto è stato invitato, ricevuto e premiato a Roma al Comando Generale dell’Arma, davanti allo Stato Maggiore dei Carabinieri capeggiato dal generale Leonardo Gallitelli. Lungi da me ogni polemica o sfrontatezza o arroganza, ma sano e sentito orgoglio di essere riuscito a far “rivivere” i Carabinieri di Malga Bala, Giovanni Grillo, i Reduci del XVII Settore Gaf ecc. senza dimenticare i vari Tambozzo, Tonino Friz, i fucilati di Bretto di Sopra, le tante vicende della gente di Cave, Gigia Picech ecc. ecc. tutta gente che “vive” ancora tra noi grazie a “Come foglie la vento”, “Alle porte dell’inferno”, a “Planina Bala” ecc. ecc. E nessuno, neanche articoli di stampa o vanterie personalistiche e propagandistiche di chicchessia riuscirà a scalfire questa realtà, che piaccia o meno!"

 http://www.vocedellamontagna.it/images/stories/luglio%207.jpg

 

http://www.vocedellamontagna.it/images/stories/14%20luglio%202010.jpg

 

 

 

Sono trent'anni

Sono ormai trent'anni che Voce della montagna torna puntualmente in stampa e in casa degli abbonati, un traguardo, si pensa, molto lusinghiero, tenuto conto che da 30 anni andiamo avanti quale "voce" della montagna friulana senza esserci MAI venduti a politici o amministratori. Ed è con sincero orgoglio che lo diciamo, lo affermiamo e lo testimoniamo.

Nel numero di dicembre in corso ecco il sorriso in prima pagine di due sorelle Clarisse di Moggio, un sorriso che ci apre le porte al Natale e ci proietta verso un anno nuovo che speriamo migliore di questo in conclusione, anno di depressione, di caos, di crisi morale più che economica e sociale.

Borse di studio a numerosi ragazzi del nostro territorio....

Il Coro UTE della Carnia si esibisce con grande successo a Forgaria, presentando tra l'altro un'Ave Maria appena scritta dal loro maestro di grande entusiasmo e di profonda religiosità...

E' bello, almeno ogni tanto, ritrovarsi attorno a un tavolo e degustare insieme... la gioia di ritrovarsi, di parlarsi, di ricordare... come è successo a questo gruppo di amici che da anni e anni ama ritrovarsi almeno una volta all'anno...

Ecco Alexandra, Larissa  e Sara della famiglia Brovedan di Forni di Sopra... tre splendide gemelline...

Dopo 17 anni tantissime cresime a Resiutta, in una giornata di grande festa... finalmente anche la periferia può ospitare e celebrare tali avvenimenti...

L'UTE della Carnia ha festeggiato i suoi primi venticinque anni di vita al teatro Candoni di Tolmezzo...

 

Ecco un grande artista "beccato" dal nostro obiettivo in piena azione, sulla strada da Pontebba a Studena Bassa... Enzo Buzzi e il suo laip

 

Grandissimo maestro e straordinario uomo 'Ligio Tomasin di Chiopris Viscone... a 10 anni dalla sua prematura scomparsa il suo ricordo è ancora e sempre eccezionale...

Grande solidarietà alle popolazioni del mar Jonio dopo i gravissimi fatti dei giorni passati...

Gianfranco Zuzzi ci parla del lupo...

E tanti, tanti altri servizi a disposizione dei nostri lettori e dei nostri abbonati: Voce della montagna lo si riceve solo per abbonamento. E sono proprio questi i giorni migliori per rinnovare o stipulare il proprio abbonamento: ancora 20 euro all'anno per l'Italia e 30 per l'estero, costo che è rimasto e rimane invariato nonostante le poste, le tipografie, i continui aumenti di spese per tenerlo in piedi.... Solo con l'aiuto e gli abbonamenti dei nostri lettori potremo superare anche noi la crisi e andare avanti come è avvenuto in questi primi trent'anni della nostra vita.

A giorni Voce di dicembre 2013

Ancora qualche giorno e Voce della montagna di dicembre 2013 giungerà a casa degli abbonati; il ritardo è stato causato dai grandi impegni prenatalizi della tipografia Moro di Tolmezzo, dove viene stampata da anni la nostra rivista. Anche in questo numero diversi servizi speciali e numerosi articoli che abitualmente non trovano spazio nella stampa tradizionale.

Approfittiamo dell'occasione per ricordare a tutti i nostri lettori che questo è il periodo per stipulare o rinnovare il proprio abbonamento a Voce della montagna; per motivi organizzativi infatti è auspicabile concludere le pratiche amministrative entro l'inizio del nuovo anno. Si ringrazia quindi tutti quelli che in questi giorni rinnoveranno o stipuleranno il loro abbonamento a Voce della montagna, la rivista mensile della montagna friulana da ben 30 anni puntualmente in stampa mese dopo mese.

Piena solidarietà

----.jpg - 42.34 Kb

La Direzione di Voce della montagna, unitamente alla Redazione e ai Collaboratori, agli Abbonati, ai Lettori, ai Sostenitori e agli Amici esprime e sottolinea la totale e profonda partecipazione all’immenso dolore che ha colpito e sta colpendo in forma così impietosa il Popolo della Sardegna. Ci si augura anche che i politici e gli amministratori pubblici, nella loro gran parte veri responsabili di tanti lutti e di tanti drammi, la smettano con le loro beghe di partiti, di poltrone, di schieramenti e di portafogli e dedichino il loro tempo e le loro energie alla gente a cui sanno rivolgersi col cuore solo in occasioni preelettorali. L’Italia è diventata una immensa pozzanghera, alla mercè quotidiana di uragani, acquazzoni e trombe d’aria col territorio abbandonato a se stesso e senza alcuna seria prevenzione, termine che tantissimi di loro non sanno neanche cosa voglia significare, anche se molto spesso questo termine è da loro usato e spampanato ai quattro venti. Queste tragedie e tante altre analoghe certamente si sarebbero potuto evitare o almeno ridimensionare, se la prevenzione fosse stata o fosse attuata con urgenza e senza alcun rinvio.

 

Grazie alle poste...

 

nov 1.jpg - 38.17 Kb

 

Grazie al sistema moderno delle poste italiane, giorni e giorni dopo la spedizione del nostro mensile, eccolo finalmente nelle famiglie degli abbonati: è il giornale di novembre 2013, con in primo piano la nuova squadra giovanile delle Aquilotti che sperano di far dimenticare in breve le vicissitudini amare della squadra dei grandi finita in......

nov 10 a.jpg - 105.06 Kb

Solennemente inaugurata a Tarvisio la targa ricordo di Franz Jaritz, primo civile morto per incidente stradale la mattina del fatidico 9 settembre 1943...

nov 9.jpg - 9.58 Kb

nov 10.jpg - 26.35 Kb

nov 12.jpg - 6.49 Kb

Eccezionale storia umana a Tolmezzo con al centro un "Vu cumprà!"...

nov 11.jpg - 177.47 Kb

Grande festa alla trattoria "Da Gardo" a Tiveriacco di Majano per la neo dottoressa......

nov 13.jpg - 20.99 Kb

Lazzara Quaglia non intende arrendersi....

nov 14.jpg - 49.74 Kb

I ragazzi delle scuole di Fusine....

 

nov 15.jpg - 41.88 Kb

Grande cerimonia a Tolmezzo venerdì 22 per i festeggiamenti del venticinquesimo di fondazione dell'UTE

 

nov 3.jpg - 44.23 Kb

Ammainata la bandiera sul Lussari con una grande processione nonostante la pioggia

nov 4.jpg - 38.56 Kb

Due fratelli come due angeli del cielo... don Gabriel e don Rafael...

nov 5.jpg - 36.93 Kb

Eccoci ancora a Malga Pramosio, con altri amici e altri ospiti

nov 6.jpg - 38.54 Kb

nov 8.jpg - 125.25 Kb

Juniores di Tarvisio, ancora sul podio più alto per la seconda volta consecutiva...

gabri ok.jpg - 73.03 Kb

Interrogazione al consiglio comunale di Tarvisio sulle cementificazione cittadina...la risposta ben 13 mesi dopo!

Questi i principali nostri servizi, ma sono tantissimi gli argomenti portati alla luce nel nostro mensile di Voce della montagna nel novembre in corso, giornale che per riceverlo a casa propria è necessario abbonarsi: solo 20 euro per l'Italia e 30 per l'estero. Ed è proprio questo il tempo più propizio per il rinnovo o la stipula del proprio abbonamento.

 

 

E' pronta la Voce di novembre 2013

              E’ pronta la Voce di novembre 2013

 

Visto che tutta l’Italia o meglio l’Europa e facilmente mezzo mondo sono bloccati dalle vicende e dalle notizie provenienti di continuo dalla Commissione Elettorale del senato italiano circa l’espulsione di Berlusconi dal Parlamento Italiano, espulsione considerata di importanza vitale e improcrastinabile, sine qua null’altro può esserci o andare avanti, mi permetto far conoscere ad amici, lettori e appassionati che è  in fase di spedizione agli abbonati il numero di novembre 2013 di Voce della montagna, un numero assolutamente da non perdere e che parla SOLO dei nostri poveri avvenimenti locali, meno di briciole insignificanti rispetto ai gravi problemi che attanagliano l’Italia. A ogni ora radio, TV e giornali annunciano licenziamenti e chiusure di piccole e grandi aziende, ma ai governanti italiani interessa solo cosa dice Grillo, cosa fa Napolitano, cosa vuole la Commissione elettorale senatoriale, come fare per rimpiazzare l’IMU con altri piccoli sotterfugi pur di recuperare miliardi di miliardi, quando basterebbe che questi signori si riducessero le loro entrate e le loro spese, soprattutto, e tutti si appianerebbe di colpo. Ma è più importante la storia malinconica della fine immediata e improcrastinabile di Berlusconi che rendersi conto che l’Italia tutta è un colabrodo un po’ ovunque, da Pontebba  a Genova a Metaponto, che la delinquenza aumenta momento dopo momento, che la disoccupazione cresce a dismisura e così via…. Ma gli stupidi siamo noi, o meglio sono io, senza voler coinvolgere altra gente che sicuramente però la pensa come me,  che ancora crede negli ideali, nella Natura, nel futuro, nella Provvidenza, nella straordinaria bellezza del nostro territorio che aspetta risposte urgenti e improcrastinabili, qui sì che questi aggettivi hanno un senso….

Toni Russo, direttore di Voce della montagna

dscn6906.jpg - 45.56 Kb

Il dito sulla piaga

29 agosto 2013.jpg - 38.26 Kb

      Mal comune mezzo gaudio, ma in questo caso proprio no!

 Basta aprire la TV e ora qua, ora là, l’Italia o parte di essa è sott’acqua, con morti, dispersi e danni incalcolabili. Solo a guai avvenuti ci si ricorda che i tombini era da anni che non si pulivano, che le tubazioni erano e sono da Barby, che i fiumi sono stracolmi di ghiaia, alberi e tronchi,  che l’asfalto del centro strada è molto più alto delle entrate delle case, che i territori sono abbandonati da secoli. E giù commenti e commozione, da parte di tutti. Ma è possibile tutto questo? Tutti sappiamo che il nostro territorio è a rischio, che i tombini fanno schifo, che le tubazioni sono intasate e mal fatte; che i nostri fiumi sono stracolmi di ghiaia, pieni di tronchi ecc. ecc. Ma, francamente, oltre a chiacchiere e a paroloni, cosa si sta facendo in previsione di piogge a bomba, come si dice? Dove sono i nostri amministratori, dai piccoli comuni nostrani alle alte cariche dello Stato, che oltre a belle parole fanno seguire i fatti e fatti concreti? Da anni noi di Pontafel, per esempio, predichiamo ai quattro venti che il pericolo di nuovi danni è dietro l’angolo, con lettere e richieste di urgenti interventi senza neanche una risposta rassicurante. Non ti rispondono neanche questi nostri amministratori o politici troppo impegnai nel sociale, pensano allo sviluppo futuro, al crogiolo delle idee, alla realizzazione del Progetto Pramollo, tutte cose ottime e improcrastinabili, ma non sarebbe meglio mettere in sicurezza preventiva il territorio e poi, insieme, lavorare per lo sviluppo del territorio? Quale futuro se a ogni pioggia rischiamo di restare sott’acqua? Quale sviluppo se a ogni pioggia siamo punto e accapo? Piove a bomba ormai, se ne sono accorti tutti, peccato che qui da noi non ce accorgiamo, impegnati a crogiolarci in tante idee utili e interessanti, a parlare di sviluppo turistico e di Pramollo e di altre cose tutte belle e da realizzare, ma prima di ogni altra cosa, è da mettere in sicurezza il territorio, soprattutto le zone a rischio, se non vogliamo ancora una volta finire oltre che sott’acqua, nella cronaca giornalistica nazionale.

 

Voce di ottobre in evidenza

nov.a.jpg - 39.48 Kb

                                                                        Sconcertante, a dir poco!

di Antonio Russo

E’ sconcertante, a dir poco, quanto riportato sulla stampa nei giorni scorsi relativamente alla notizia di una mucca precipitata in un burrone nei pressi di malga Montov nei pressi di Forni di Sotto, ma in comune di Ampezzo. Una mucca di tre anni, gravida, pezzata rossa, del valore di circa 3 mila euro, è precipitata in un burrone, spaventata chissà da cosa o da chi,  a circa 1800 metri e lasciata morire perché l’elicottero per salvarla costava troppo e il proprietario della mucca non era in grado di provvedere al relativo rimborso.  L’elicottero costava 1500 euro all’ora, i pompieri non potevano intervenire in quanto necessitavano di speciale autorizzazione e così via, con la conclusione che la povera bestia, pur viva e in buone condizione, è stata lasciata alla sua triste sorte. E se al posto della mucca di quel povero allevatore, Davide Dorigo di Cima Corso, fosse stato in fondo a quel burrone un orso o una lince o un lupo di cui ultimamente si sta facendo tanta propaganda? I proprietari dell’elicottero avrebbero preteso 1500 euro all’ora e i pompieri avrebbero avuto necessità “sine qua non” per intervenire? E le altre autorità si sarebbero girate dall’altra parte continuando in altre occupazioni?  Siamo del tutto certi che tutti si sarebbero fatti in quattro, come si dice, senza guardare a spese o ad autorizzazioni e stampa, rai e tv avrebbero dato precedenza a questo avvenimento tralasciando per una volta Berlusconi e compagni indaffarati tutti, quasi con affanno e a gara, a portare l’Italia alla totale disfatta. Per qualcuno, specie se pagato o super rimborsato da strane leggi d’Europa, vale più l’orso di un asinello o di povere caprette al pascolo, lo abbiamo denunciato tante volte, figuriamoci di una semplice mucca in disgrazia.

 

 

 

nov.2.jpg - 172.77 Kb

Settantesimo a Tarvisio della Guardia alla Frontiera: straordinaria visita-pellegrinaggio, tra i tanti altri, dell'amministrazione comunale di Canistro (L'Aquila). Tra gli altri, molto sentita la partecipazione del gen. Mauro Rai e del cantautore friulano Dario Zampa...

nov 2 a.jpg - 115.85 Kb

Uno solo dei Reduci del XVII Settore Gaf....

nov.2b.jpg - 130.48 Kb

Sul prossimo giornale altra ampia pagina sull'avvenimento tarvisiano...

I cinghiali, un vero enorme pericolo per il nostro territorio...........nov.1.jpg - 63.18 Kb

nov.11.jpg - 64.41 Kbnov.13.jpg - 14.53 Kb

Chiudono per sempre le Aquile FVG?...Sembra proprio di sì, intanto tutto è nelle mani del Tribunale e della Guardia di Finanza. I trionfi di anni fa sembrano tramontati per sempre. Un giovane pontebbano però, Samuele Cassinelli diventa arbitro ....

Non si attenua il ricordo e il dolore per la scomparsa di Gianalberto Quaglia dopo il terribile incidente tra Chiusaforte e Resiutta, nella speranza che la moglie Lazzara possa riprendersi quanto prima e tornare alla luce della piazza di Pontebba che l'aspetta con ansia...nov.b.jpg - 20.99 Kb

nov.10.jpg - 17.50 Kb

Continua l'iter giudiziario per il prof. Agostinis, sospeso dall'insegnamento perché....

nov.8.jpg - 40.45 Kb

Grande festa a Udine per il maestro Vasco, dopo anni e anni sulla breccia con la sua banda di Palmanova...

nov 7.jpg - 43.75 Kb

nov.12.jpg - 24.24 Kb

Anche per gli atleti del Judo Club di Tolmezzo sono finite le ferie e hanno avuto inizio le lezioni.....

nov.4.jpg - 43.30 Kbnov.5.jpg - 42.35 Kb

Appuntamento alla malga Pramosio per diversi compleanni del Clan dei Paschini...

nov.6.jpg - 45.44 Kb

Marino Screm con le sue collaboratrici.... Pramosio resta tra le attrazioni estive più sentite della montagna friulana...

nov.3.jpg - 62.38 Kb

A duecento anno ecco a Tarvisio gli Schützen

nov.9.jpg - 25.11 Kb

Le api ancora al centro del servizio di Gianfranco Zuzzi 

nov.14.jpg - 77.50 Kb

Il neo generale della Legione Carabinieri del FVG, Garello, in visita alla Stazione Carabinieri di Pontebba-

 

Questi solo alcuni degli imperdibili servizi del nostro mensile. Voce della Montagna lo si può ricevere all'indirizzo desiderato solo con l'abbonamento, che per l'Italia costa appena 20 euro e per l'Estero 30, importi in vigore da anni e anni per venire incontro ai nostri affezionati lettori.

Riposa in pace, amico Gian!

gian alberto quaglia e lazzara.jpg - 20.99 Kb

Una partecipazione silenziosa e commossa, con centinaia e centinaia di persone a gremire in ogni angolo la chiesa di Pontebba dentro e fuori, in questo pomeriggio freddo di inizio inverno. In carrozzella sua moglie Lazzara. E tanti, tanti amici di Pontebba e fuori, della valle e fuori, d’Europa e fuori.

Contrariamente a quanto facciamo abitualmente, pubblichiamo qui di seguito l’articolo di pagina 2 di Voce della montagna di ottobre 2013  a lui dedicato.

 

                                                      Una scomparsa impensata e impensabile

 

Gianalberto Quaglia ha dovuto fermarsi, lungo la galleria tra Chiusaforte e Resiutta, a seguito di un bruttissimo incidente stradale. La sera del terremoto, in quel lontano 1976, era lì in piazza col suo apparecchio portatile, una specie di ricetrasmittente, lui che era un radioamatore appassionato, a darci le notizie di quanto accadeva contemporaneamente in altre parti del Friuli tragicamente ballerino. Tra lui e un suo amico in quella stessa notte avevano pensato di realizzare a Pontebba una radio locale e una sala da ballo per evitare che i giovani si recassero fuori paese, ma nessuno volle aiutarli e tutto rimase lettera morta. Un grande pensatore, programmatore eccezionale, esperto come pochi di computer e di radio, di apparecchi elettrici, con tantissime idee sociali, rivoluzionarie, quasi mai ascoltato perché non facente parte di una certa partitocrazia. Tempo fa, grazie anche a sua moglie Lazzara, cubana, ormai pontebbana a tutti gli effetti, aveva ideato e portato a termine con altri amici una grandissima festa musicale con gastronomia tipica e originale, giorni fa ha portato a Pontebba in piazza ballerine cubane con enorme successo; stava organizzato un’altra grande festa in piazza coi bikers. Era una fucina di idee e di proposte e protestava, scontento e amareggiato, nel vedere che a Pontebba non tutti sono d’accordo, quando invece bisognerebbe collaborare per poter andare avanti meglio. Un personaggio eccezionale, semplice, alla mano e grazie a sua moglie Lazzara tanto ha saputo e ha fatto per Pontebba e la valle, senza mai chiedere nulla in cambio. Ora se n’è andato, ancora giovane, ancora in età produttiva, spiaccicato in galleria tra i rottami della sua autovettura, con sua moglie Lazzara in ospedale e altri quattro incidentati. Speriamo solo che la Lazzara sappia superare, anche grazie ai tanti suoi amici disinteressati, questi momenti e ricominciare a camminare, col suo ambiente in piazza, “Il patio de Cuba”, che merita continuare anche per Gianalberto, nel suo nome e in suo ricordo. Noi tutti, signora Lazzara, ti daremo una mano!

 

A 70 anni dal sacrificio di Giovanni Grillo

giovanni grillo web.jpg - 39.92 Kb

 

Giovedì 3 ottobre il settantesimo anniversario del martirio di Giovanni Grillo

 

Quattro gli avvenimenti più importanti della seconda guerra mondiale sul nostro territorio: la totale trasformazione del territorio in appendice germanica con tutte le conseguenze del caso, la nascita della Resistenza alle porte della Caserma Italia a Tarvisio nella notte tra l’8 e il 9 settembre 1943, la terribile mattanza da parte di partigiani comunisti di Tito contro 12 Carabinieri trucidati a Malga Bala solo perché italiani; la fucilazione di Giovanni Grillo nel letamaio della caserma Bertolotti a Pontebba. Giovanni Grillo, 47 anni, di  Stazione per la Carnia di Venzone, ferroviere, cinque figli a casa con la moglie gravemente ammalata, grazie al tradimento di un pontebbano, fu arrestato dai tedeschi grazie alla complicità di diversi locali altolocati del Partito di Mussolini. L’accusa contro di lui era di essere degli artefici della fuga di diversi prigionieri dai carri bestiame diretti verso i campi di concentramento nazisti.  Dopo maltrattamenti e torture allucinanti, dal momento che si rifiutava di rivelare i nomi degli altri compaesani responsabili delle varie fughe di prigionieri, fu condannato a morte e fucilato nel letamaio della caserma Bertolotti. Era il 3 ottobre 1943. I tedeschi avevano scelto proprio lui per dare un esempio a quanti si erano resi responsabili di svariati tentativi di liberare qualche prigioniero. Se Grillo avesse parlato, diverse altre famiglie di pontebbani avrebbero subito la medesima sorte. Non solo la stazione ferroviaria di Pontebba in quelle settimane fu teatro straordinario di altruismo e carità cristiana e umana, ma quasi tutte le stazioni della valle del Fella.

Giovedì, 3 ottobre, ci troveremo al Cimitero di San Rocco per ricordare questo eroe pontebbano in parte dimenticato e tutti gli altri che seppero dimostrare coi fatti il grande attaccamento al nostro territorio. Vent’anni fa gli abbiamo dedicato un bellissimo monumento, in cui riposano i suoi resti, proprio all’entrata del cimitero. Alle 18 di giovedì 3 ottobre la santa Messa concelebrata dai parroci del nostro territorio e da quello di Venzone, paese natìo del Grillo; subito dopo onore al Monumento di Giovanni Grillo con la rievocazione storica di quanto avvenuto settant’anni fa.

         TUTTI SIAMO INVITATI A QUESTA RICORRENZA!

web bib bis.jpg - 19.84 Kb

web bis bis bis.jpg - 23.56 Kb

 

E' tragicamente venuto a mancare un grande amico

gianalberto quaglia web 2.jpg - 46.87 Kb

La Redazione di Voce della montagna, anche a nome di tutti i suoi sostenitori e lettori, ricorda con profondo affetto Gianalberto Quaglia, tragicamente venuto a mancare domenica mattina 22 settembre scorso in galleria tra Chiusaforte e Resiutta per grave incidente stradale. Un grande amico, semplice e sincero, fonte inesauribile di proposte, iniziative sociali, attività socio-culturali di enorme richiamo. Siamo inoltre tutti vicini alla sua dolce consorte, la signora Lazzara, nella speranza che sappia e possa superare questi terribili momenti e che possa tornare quanto prima alla sua normale attività commerciale, simpatica e rivoluzionaria proponitrice di iniziative di straordinario impatto sociale. Noi siamo tutti con te, signora Lazzara!

gianalberto quaglia web.jpg - 46.81 Kb

 

lazzara web.jpg - 25.33 Kb

Vari "speciali" su settembre 2013

api.jpg - 9.56 Kb

Gianfranco Zuzzi ci porta nel mondo fascinoso delle api....

dscf4232.jpg - 62.95 Kb

Gita-pellegrinaggio alla Madonna di Luggau dei Coristi dell'UTE della Carnia....

dscn6371.jpg - 48.59 Kb

Doganirs in musica itinerante..... uno spettacolo eccezionale

dscn6406.jpg - 34.53 Kb

Grande festa a Chiusaforte per don Aldo, per il suo cinquantesimo di sacerdozio. Ospite d'onore don Adolfo

forza.jpg - 32.08 Kb

Basta il nome, Michele Forzza, jesolano di San Leopoldo....

imagecadd58er.jpg - 59.25 Kb

Sindaco in prima linea: è Luigino Marcon di Chiusaforte

piredda  2gara vittorio veneto 2013.jpg - 51.56 Kb

Karate tarvisiano in evidenza...

pescatori agosto 2013_5.jpg - 147.54 Kb

Giornata di pesca e di incontri sociali grazie ai pescatori di Resiutta

val raccolana 15.jpg - 31.66 Kb

Gli incendi della Val Raccolana e di Pietratagliata......

pont38.jpg - 30.02 Kb

Dieci anni fa l'alluvione....

alpini malborghetto.jpg - 94.90 Kb

Ventennale alla grande a Malborghetto con gli alpini....

alpini ---sfilata 2.jpg - 105.28 Kb

 

E tanti, tanti altri servizi da non perdere con Voce della montagna di settembre 2013, un mensile che si riceve in abbonamento postale, il cui costo è di 20 euro per l'Italia e 30 euro per l'estero.

 

Una ricorrenza ancora allarmante

autostrada.jpg - 14.06 Kb

 

                  Riusciranno i nostri politici, amministratori e responsabili

                            a NON farci rivivere più momenti come questi?

 dsc04218.jpg - 20.00 Kb

ffss23.jpg - 26.96 Kb

 Dieci anni fa, il 29 agosto 2003, un’altra grave alluvione prevista e aspettata dopo i non interventi a seguito dell’alluvione del 22 giugno 1996. Bastano alcune foto per rivivere quei momenti drammatici e indimenticabili, almeno per chi è andato e rimasto sott’acqua, senza sua colpa o responsabilità. Eppure basterebbero ancora pochi accorgimenti mirati per far sì che la gente non solo “non dimentichi”, cosa che assolutamente è impensabile perché non sa dimenticare o dimenticarsi, ma soprattutto non abbia più paura ogni volta che piove, cosa che purtroppo accade ogni volta che piove nonostante gli interventi fin qui portati a termine. Non si può dimenticare infatti che il primo gradino, senza alcuna titubanza, in un programma di investimenti e di programmazioni di sviluppo socio-economico-turistico è essere e sentirsi in sicurezza.  Senza sicurezza non si può pensare ad altro di diverso, anche se positivo!

pietr30.jpg - 31.23 Kb

 

Guardie alla frontiera Tarvisio 1 settembre

 

agosto 2.jpg - 66.82 Kb

 

 

                                      Fu una notte da epopea, una fantastica epopea in una notte tarvisiana di fine estate quella tra l’8 e il 9 settembre 1943, quando, subito dopo l’annuncio dell’armistizio alla radio da parte del generale Badoglio, i soldati italiani del XVII Settore delle Guardie alla Frontiera della Caserma Italia a Tarvisio, tutori dei confini a Nord Est, decisero di opporsi alle pretese germaniche accettando il combattimento, cruento e terribile, tanto che alla fine i tedeschi non riuscirono a non riconoscere l’onore delle armi agli sconfitti, che in gran parte finirono poi nei campi di concentramento. 29 i Caduti italiani, poi negli anni a venire i continui ritorni a Tarvisio….”come foglie al vento”, fino ai giorni nostri… E fu proprio quella notte e proprio a Tarvisio che vide la luce la Resistenza, quella armata, che da quella sera in poi per due anni terrà banco su quasi tutto il territorio italiano, in Friuli in particolare.

                                     Domenica 1 settembre 2013, a Tarvisio, sarà celebrato il Settantesimo Anniversario dei drammatici avvenimenti dell’8 e 9 settembre 1943, quando 300 nostri Eroi del XVII Settore della Guardia alla Frontiera, GaF, con la loro determinazione diedero il primo esempio cruento a difesa dell’onore e della libertà del soldato italiano, primo esempio in assoluto nella storia d’Italia.

                                       “La resistenza in Italia, di cui tanto si parla – ci ha precisato lo storico e giornalista Antonio Russo, organizzatore da anni e anni col comune di Tarvisio della manifestazione e autore  tra l’altro di “Come foglie al Vento”, “Alle porte dell’inferno” e di “Planina Bala” dedicati ai soldati della GaF e agli avvenimenti storici dell’ultima guerra mondiale nell’Alto Friuli – è nata proprio a Tarvisio, alla Caserma Italia. I soldati della GaF furono i primi in assoluto a volersi difendere dalle SS, lasciando sul campo ben 29 commilitoni, mentre la gran parte di loro poi finì nei campi di concentramento. Tarvisio quindi può andar fiera di questo avvenimento, perché è qui che è nata la Resistenza, grazie ai soldati della Caserma Italia!”

                                      Il programma della manifestazione prevede alle 10,30 la celebrazione della Santa Messa per i Caduti, italiani e germanici, e tutti i Reduci del XVII Settore Gaf che ormai hanno raggiunto in cielo i loro Compagni caduti quella notte di sangue alle porte della Caserma Italia. Seguiranno gli interventi storici col ricordo dei caduti, per la gran parte sepolti nel Tempietto Ossario adiacente la piazza di Tarvisio unitamente ai Carabinieri Martiri di Malga Bala e agli altri Caduti Tarvisiani. Infine visita alla Caserma Italia, attuale Soggiorno Militare Montano, sede del XVII Settore e luogo della battaglia contro i tedeschi. Oltre agli ultimi Reduci e alle loro famiglie, ci saranno autorità regionali, provinciali e i sindaci della valle del Fella. Ci sarà anche un gruppo numeroso, capeggiato dal sindaco e dalla giunta comunale, proveniente da Canistro in provincia del L’Aquila, paese di origine di uno dei Caduti di Tarvisio, Guido Sambucini.

 agosto 21.jpg - 72.00 Kb

 

A 10 anni dall'ultima alluvione

 

stemma voce della montagna.jpg - 9.86 Kb

                                    Centro Culturale d’Informazione Sociale – Via Mazzini 27/29  33016 Pontebba

                                                                                      P.I. 01324390309                        

                                                                                www.vocedellamontagna.it          

e mail  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.                                                                      Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

33016 Pontebba (UD) Via Mazzini n. 29                                                                           tele-fax 0428 90331

                                                      Antonio Russo – Direttore responsabile                                                                                 

 

      Ill.mo                                                                 Ill.ma

       Paolo Panontin                                                  Debora Serracchiani

       Ass. Reg. Protezione Civile                                 Presidente Regione FVG

       Piazza Unità 1                                                     Piazza Unità 1

       34121  TRIESTE                                                  34121  TRIESTE

 

       Spett.le                                                              Gent. Senatrice

       Protezione Civile Regionale                                 Isabella De Monte

       Via Natisone 43                                                   Sindaco di

       33057  PALMANOVA                                           33016 PONTEBBA

 

                                                                                       

 

Ricorrenza: Decimo anniversario ultima alluvione “PER NON DIMENTICARE”

 

                                               Ho ricevuto l’invito di cui il prot.0008537/13 del 19 luglio u.s. e ringrazio sentitamente e farò di tutto per essere presente.

                                                Approfitto dell’occasione tuttavia per ricordare e sottolineare che è giusto, a 10 anni dall’alluvione del 29 agosto 2003 e a 17 dalla prima del 22 giugno 1996 far di tutto per NON DIMENTICARE, iniziativa da apprezzare sopra ogni cosa, anche perché è la nostra gente che NON VUOLE DIMENTICARE, e non lo può, perché quel 29 agosto 2003 o quel 22 giugno 1996 li si teme e li si rivive in paura e in apprensione ogni volta che piove o minaccia di farlo, soprattutto quelli che vivono lungo via Mazzini a Pontafel, che in diverse altre occasioni ha rischiato di tornare sott’acqua. Tanti milioni hanno impiegato la Regione e la Protezione Civile per mettere in sicurezza il territorio, ma il Rio degli Uccelli ha bisogno di manutenzione al pari di altri canali e fiumi, di continuo, Via Mazzini ha bisogno di nuovo asfalto, più basso delle entrate delle case, tombini più grandi e tubazioni non da Barby, ha bisogno di una canalizzazione verso il Fella che faccia defluire il fiume di acqua che ogni volta si crea lungo la strada soprattutto quando i tombini e i loro tubi si dimostrano non all’altezza della sicurezza. Via Mazzini è più bassa del livello circostante di ben 80 cm e questa non è frase di comodo.

                                             Da anni mi sto e ci stiamo battendo, a ogni livello, scrivendo (Mai una risposta finora da parte della Protezione Civile, neanche alle raccomandate RR!), chiedendo, dimostrando che Via Mazzini è una continua minaccia ogni volta che piove e che assolutamente NON SIAMO TRANQUILLI. Non chiediamo null’altro che di essere messi in maggior sicurezza: una canalizzazione suppletiva nella Rosta verso il fiume Fella, in basso, non costa che pochi spiccioli rispetto a quanto è stato finora impiegato. Questo intervento sarebbe un maggior tentativo di stare e vivere tranquilli anche quando piove forte, cosa che capita da maggio a novembre inoltrato. Due alluvioni e altre 3 o 4 tentativi della natura non sono pochi per far prendere una decisione in tal senso.

                                           Queste non sono richieste campate in aria, sono richieste pensate, questa è PREVENZIONE, questa è voglia non solo di non dimenticare, ma soprattutto che fatti del genere non abbiano a ripetersi. Ma, nonostante tutto, qui a Pontafel, ci sono tutti gli elementi per tornare sott’acqua e ritornare nella disperazione. Noi non solo non vogliamo dimenticare, non lo possiamo, NOI VOGLIAMO NON AVER PIU’ PAURA A OGNI PIOGGIA O TEMPORALE.

                                                        Se c’è prevenzione totale, c’è più tranquillità e si può pensare anche ad altro per il futuro del nostro territorio. La prevenzione e la sicurezza sono al primo posto. Il resto viene dopo e di conseguenza.

                                                         Ringrazio dell’attenzione e, come sempre, sono a Vs. disposizione. Coi migliori saluti.

 Pontebba, 02/08/2013                                                              

                                                                                     Antonio Russo

 agosto 6.jpg - 39.07 Kb

 

 

 

Ed ecco la Voce di agosto 2013

Tanti i servizi presenti, tra cui:

agosto 9.jpg - 37.29 Kb

Jean Claude Bedi, della Costa D'Avorio, è un ragazzo, cattolico, tesserato con la Pontebbana: è stato al centro di gravi insulti razzisti su alcuni campi del Carnico. Una intervista esclusiva sulla sua presenza tra noi.

agosto 1.jpg - 33.93 Kb

agosto 3.jpg - 30.21 Kb

Titti Ceccon è l'artefice  dell'illuminazione notturna della Croce sul monte Brizzia...

agosto 10.jpg - 86.71 Kb

Nostra esclusiva intervista al presidente del Consorzio Vicinale di Camporosso, Lattisi....

agosto 7.jpg - 88.00 Kb

Continua la meravigliosa avventura del piccolo moggese Filaferro...

agosto 8.jpg - 60.76 Kb

Le Aquile sembra si siano volatilizzate del tutto, dopo anni di trionfo e di passione. Sembra ormai certa la loro partecipazione al Campionato Amatoriale austriaco da ottobre in poi..... Resterà solo il nome delle Aquile

agosto 11.jpg - 10.84 Kb

Papa Francesco sta sconvolgendo tutti con la sua semplicità

agosto 12.jpg - 7.59 Kb

Paola Battaia di Aupa, battagliera e simpatica presidente della locale Sezione dei Donatori di Sangue di Pontebba, è l'organizzatrice dell'incontro sulla zecca in teatro Italia e del prossimo appuntamento di domenica 18 agosto sull'importanza del dono del sangue...

agosto 19.jpg - 39.39 Kb

Massimiliano e Deborah hanno deciso di riaprire l'albergo - bar Commercio nel nome e nel ricordo di Italo Buzzi, l'indimenticato e indimenticabile papà di Emiliano deceduto ancor giovane diversi anni fa. Il Commercio aprirà la vigilia di ferragosto.

agosto 22.jpg - 15.71 Kb

agosto 18.jpg - 120.63 Kb

Grandi manifestazioni corali e musicali a Forni.....

agosto 5.jpg - 39.14 Kb

Daniele Di Giusto, comandante dei CC di Chiusaforte e Francesco Visintin, comandante di Moggio e Resia hanno tenuto due interessantissime conferenze su come far fronte ai ladri che in maniera subdola bussano alle nostre case...

agosto 4.jpg - 38.98 Kb

agosto 14.jpg - 38.35 Kb

Una sommelier di nome Daniela Iogna, una regina tra succulenze varie e vini d'eccezione...

agosto 13.jpg - 67.35 Kb

Grande cerimonia a Tarvisio dei Donatori di Sangue

 

Questo e altro sul giornale di agosto, un giornale da non perdere. Ricordiamo che per ricevere il giornale all'indirizzo desiderato è necessario abbonarsi: 20 euro per l'Italia e 30 per l'estero. Ricordarsi di riportare esattamente nome, cognome, via, numero di casa e paese di destinazione: le poste italiane funzionano così bene che basta un nulla, meno di un nulla, per cestinare le nostre poste, giornali compresi.

 

Ed ecco luglio 2013

E' già stato inviato a tutti i nostri abbonati il numero di luglio 2013 con tantissimi servizi anche in esclusiva su svariati argomenti di grande interesse. Tra cui

luglio 1.jpg - 55.58 Kb

Tutto pronto a Malborghetto per il Ventennale del locale Gruppo ANA col capogruppo Stefano Toscani, cerimonie e feste in grande stile che si terranno il 13 e 14 luglio prossimo....

luglio 10.jpg - 62.91 Kb

Nostra intervista sulla situazione del turismo tarvisiano al responsabile territoriale dell'Agenzia Turismo FVG Maurizio Dunnhofer...

luglio 12.jpg - 84.63 Kb

Don Alberto Zanier di Arta Terme ha celebrato una delle sue prime sante Messe a Resiutta, accolto con grande calore dal locale parroco don Rafael e da tanta gente accorsa dal territorio circostante per l'occasione...

 

luglio 11.jpg - 53.37 Kb

Numerosi servizi e articoli anche dalla Carnia, da Forni in particolare grazie alla nostra collaboratrice Patrizia Pavoni...

luglio 5.jpg - 127.08 Kb

27 e 28 luglio a Pontebba, grazie a una idea di Gianalberto Quaglia e di suoi amici e collaboratori, una grande festa popolare di confine, con gastronomia tipica e musica e balli come non si registrava da tempo...

 

luglio 4.jpg - 21.70 Kb

Enorme successo al Teatro Italia del concerto riunito grazie alla presenza di diverse bande del territorio, il tutto organizzato con arte dalla locale Banda

luglio 13.jpg - 84.74 Kb

Festa della montagna sul Resartico all'interno di Resiutta, sede della vecchia miniera; a piedi e in elicottero decine e decine di appassionati...

luglio 14.jpg - 27.87 Kb

Non si placano le dialettiche anche accese in territorio se sia più importante la presenza di lupi, linci e orsi a discapito degli animali domestici e da cortile che molto spesso servono da pasto specie all'orso....

luglio 15.jpg - 57.21 Kb

luglio 2.jpg - 71.75 Kb

Si terrà domenica 1 settembre la grande cerimonia in occasione del Settantesimo anniversario dei noti fatti dell'8 settembre 1943 quando 300 Eroi della Guardia alla Frontiera tennero testa con grande onore alle sovrastanti forze germaniche. Quest'anno ci si augura che siano in molti i parenti dei Reduci GaF a partecipare a Tarvisio.....

 

luglio 16.jpg - 37.79 Kb

Don Sergio Abenan, qui col sindaco di Lauco Dionisio, in una intervista esclusiva al nostro giornale in occasione della grande festa per Sant'Antonio ad Avaglio di Lauco; don Sergio è della Costa d'Avorio ed è da qualche anno coadiutore delle parrocchie di Lauco e Villa Santina....

 

luglio 17 lauco.jpg - 50.27 Kb

In occasione della festa di Sant'Antonio la gente di Avaglio e del territorio di Lauco ha organizzato una giornata da fiaba, con entusiasmo e competehnza: tantissima la gente salita fino ad Avaglio.......

 

luglio 3.jpg - 41.69 Kb

Grande gesto di una donna di Trava la quale, trovato un portafoglio per terra, ha subito cercato di rintracciare la proprietaria riuscendo nell'intento

 

luglio 6.jpg - 132.32 Kb

Il prof. Giovanni Martinolli di Monfalcone in un servizio straordinario su "Planina Bala" terza edizione di Toni Russo

luglio 7.jpg - 14.41 Kb

luglio 9.jpg - 27.20 Kb

Dario Baron sulle tante chiacchiere infruttuose che attanagliano Pontebba nel nome e in attesa del tanto chiacchierato polo turistico di Passo Pramollo....

E tanti, tanti altri servizi; tutto sul numero di luglio 2013 di Voce della Montagna, mensile dell'Alto Friuli il cui costo di abbonamento è di appena 20 euro per l'Italia e 30 per l'estero.

 

 

Ricordando il Giro

Tante foto sul passaggio del Giro d'Italia nei nostri paesi, da Paularo a Pontebba a Chiusaforte a

 Cave, ma non solo...

Ecco in sisntesi il giornale di giugno 2013

dscn5146.jpg - 39.67 Kb

Striscioni, bandiere, fiocchi, palloncini un pò ovunque, una grande irripetibile festa popolare...

 

img_6419.jpg - 105.96 Kb

giugno luigino dscn2426 1024x768.jpg - 52.62 Kb

giugno luigino  dscn2425 1024x768.jpg - 54.34 Kb

alluvione 1.jpg - 20.51 Kb

Dieci anni fa l'alluvione lungo alcuni centri della valle del Fella e tutto resta ancora nella paura e nella

 improvvisazione nonostante i tanti soldi impiegati

dscn5086.jpg - 38.43 Kb

Ha chiuso i battenti l'anno scolastico dell'UTE della Carnia con una grande cerimonia, prima in duomo

 a Tolmezzo con la messa cantata dal Coro dell'UTE e poi all'hotel Carnia...

biacco20coluber2020viridiflavus.jpg - 39.70 Kb

Gianfranco Zuzzi ci parla della vipera e dei suoi pericoli

cani20bbandonati.jpg - 27.89 Kb

La triste storia estiva e non estiva di maltrattare o abbandonare i propri animali domestici, una vergogna immane per l'uomo intelligente

dscn5140.jpg - 34.96 Kb

Gruppo Folkloristico di Timau, una splendida realtà...

giugno cai  dsc_6235.jpg - 122.07 Kb

Il CAI insiste e investe sui giovani...

pro 11.jpg - 19.59 Kb

Come vive la famiglia De Monte a Pontebba sapendo che sua figlia, senatrice, a Roma...

patrizia pavoni la mina di suola.jpg - 87.67 Kb

Patrizia Pavoni ci parla della MINA, la forma di pecora che in primavera...

bruna 1.jpg - 82.24 Kb

Gruppo di appassionati in visita lungo la valla del Fella

giu8gno pina 3.jpg - 86.49 Kb

90 candeline per la nonnina di Studena Bassa, Pina Bagnarelli....

giugno judo 0518spilimbergo2.jpg - 44.75 Kb

Continuano i trionfi per gli atleti del Judo Club di Tolmezzo...

 

E tanti, tanti altri servizi da non perdere, come ogni mese.

Per ricevere Voce della montagna è necessario abbonarsi: 20 euro per l'Italia e 30 per l'estero.

Ed ecco la VOCE di maggio 2013

Dopo la "non firma" della giunta Tondo sul progetto Pramollo, tanti dubbi su quanto accadrà adesso sul programmato sviluppo turistico montano; dubbi e speranze che.....

maggio 12 pramollo.jpg - 52.94 Kb

14 e 15 maggio ecco il Giro d'Italia tra le nostre strade: ancora uno speciale a colori per seguire da vicino, minuto per minuto, il passaggio del giro

maggio 4 giro2012.jpg - 44.89 Kb

Oltre al Montasio, grandi rilievi sulla stampa e nelle attese della gente per la Via di Attila, come è stata chiamata la strada (d'ora in poi percorribile) tra Paularo e Pontebba....

maggio 5 cason di lanza 2.jpg - 43.84 Kb

maggio 9 patrizia pavoni bimbe.jpg - 32.31 Kb

Sono le tre gemelline dell'Alta Carnia che hanno visto la luce nei giorni scorsi

maggio 1 664594_4009855772889_801563407_o.jpg - 50.46 Kb

Non solo Aquile al Palaghiaccio di Pontebba, è ora il tempo dgli Evergreen....

maggio 2 dsc_9949.jpg - 108.57 Kb

 

e delle pattinatrici e dei pattinatori della Sezione ghiaccio dell'Artistico...

maggio 11 ute dscn7665.jpg - 78.22 Kb

Glorietta Iseppi Pillinini, presidente dell'UTE della Carnia, concluderà sabato 11 maggio  il nuovo anno scolastico dell'UTE a Tolmezzo...

maggio 6 img_0722.jpg - 89.45 Kb

Cambio generazionale all'Associazione Donatori di sangue del centro della Valle del Fella, a capo ora una ragazza intraprendente e bravissima, Paola di Aupa...

maggio 3 direttivo sirio dscn0438.jpg - 104.73 Kb

Anche l'Associazione Sirio ha ribaltato il proprio direttivo, responsabile d'ora in poi la signora Nadia Schiappi qui col suo nuovo direttivo...

 

maggio 8 orso.jpg - 12.45 Kb

Molta la paura, checcè ne dicano gli entusiasti, per la paura dell'orso in montagna, non considerato affatto un compagno di vita...

 

maggio 7 image.jpg - 31.80 Kb

Grande soddisfazione per la vittoria di Debora Serracchiani alle ultime consultazioni regionali, nonostante Bersani, il PD e i tanti fatti di Roma e del Parlamento di queste ultime settimane...

 

maggio 10 segale  dscf1403.jpg - 63.96 Kb

Riapre la ciclovia Alpe Adria, il sindaco di Chiusaforte Marcon la sperimenta coi suoi ragazzini....

 

E tanti, tanti altri fatti e avvenimenti in cronaca, basta non perdere il giornale di maggio 2013.

 

 

 

 

 

 

 

 

Planina Bala

News image

Planina Bala, Terza Edizione 2011, rinnovata e ampliata Continua

La Resistenza è nata a Tarvisio

News image

Antonio Russo è l’autore italiano che ha portato alla luc... Continua

Abbonamenti e acquisto libri

Come stipulare o rinnovare l’abbonamento a Voce della Mont... Continua

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati . To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information