Notizie

8 settembre 1943 una data memorabile

L’8 settembre del 1943, settantadue anni fa

 

 

im000753.jpg - 72.00 Kb

im000757.jpg - 69.57 Kb

 

                                                           Nessuno come loro

A Tarvisio, alle porte della Caserma Italia,  settantadue anni fa fu scritta una delle pagine più fulgide della storia recente, quando 300 soldati del XVII Settore delle Guardie alla frontiera decisero col loro comandante Giovanni Jon di non cedere le armi ai tedeschi, ma di resistere fino all’ultimo, pur possedendo poche armi a testa. Ci furono 29 morti italiani, ore e ore di aspro combattimento subito dopo l’annuncio dell’armistizio da parte del generale Badoglio, primo esempio di vera Resistenza al nemico. Molti di più i morti tra i nemici, nemici che alla fine della battaglia, quando agli italiani non era rimasta che la resa data la sproporzione di uomini e di armi, scattarono sugli attenti riconoscendo ai nostri l’onore delle armi, senza che nessuno glielo avesse ordinato. Fu quello l’inizio della prigionia nei vari campi di concentramento, da cui non tutti fecero ritorno. Poi, con gli anni, il ritorno alla loro seconda casa, la loro seconda Patria, Tarvisio e l’inizio di un nuovo cammino, con Raduni storici di grandissima portata, tanto che Toni Russo, prima degli anni Ottanta, ne raccontò le gesta nel suo primo vero libro di storia, “Come foglie al vento” e poi in “Alle porte dell’inferno”, in varie edizioni successive, finchè tutte “quelle foglie al vento” lasciarono questa terra per ricongiungersi in paradiso. Settant’anni di Raduni e di ricorrenze, finchè, nell’oblìo generale, ( Toni Russo era rimasto solo a voler ricordare, con pochi amici e aiutanti, anche il comune se l’era defilata) anche l’8 settembre e le gesta dei soldati della Gaf sono passati nel silenzio. Ma la loro storia, le loro memorie, i loro ricordi restano e resteranno indelebili in chi li ha conosciuti, studiati, apprezzati e amati. Senza di loro, di quei 300 eroi della Caserma Italia, la Storia non sarebbe più la stessa. Grazie a loro Tarvisio e la Storia hanno appreso cosa sia la Resistenza, cosa sia l’amor patrio di cui ormai si son perse le tracce. Onore a loro, ai Soldati del XVII Settore Gaf, anche se ormai non più in mezzo a noi. Tutti uniti in un solo grande caloroso abbraccio.

 ( Da Voce della montagna dell’agosto 2015)

 tarvisio-commemorazione gaf 1-9-2013 080.jpg - 133.90 Kb

im000735.jpg - 74.67 Kb

sempre avanti

zzz  coopca 10.jpg - 26.17 Kb

Mese dopo mese il nostro giornale non sa cosa siano le pause né le crisi: poste permettendo, a volta i ritardi sono veramente impressionanti, il mensile giunge nelle famiglie degli abbonati con puntualità. Grande solidarietà ai soci e ai dipendenti della Coopca sempre più nella crisi....

zzz   img_1114.jpg - 55.82 Kb

Gli arrotini di Stolvizza.... una miniera di archivio e di storia...

zzz  coro 2 img_1701.jpg - 71.65 Kb

Il Coro dell'UTE in gita a Cividale, Gorizia e alle foibe di Tarnova, tra una visita e l'altra qualche foto ricordo proprio non stona....

zzz  coro img_1690.jpg - 68.63 Kb

zzz  img_1699.jpg - 53.03 Kb

zzz  img_1747.jpg - 78.91 Kb

zzz  coro 3 img_1716.jpg - 73.56 Kb

zzz  11137173_10204021296988238_4635537326193005017_n.jpg - 25.27 Kb

Sabato 23 maggio 2015, anniversario della grande guerra. Il Coro dell'UTE con la Presidenza dell'Ute al teatro Candoni di Tolmezzo con uno spettacolo corale da incorniciare, con tutti i posti a sedere stracolmi di gente, canti corali, interventi culturali e quant'altro per questa ricorrenza che il Coro ha voluto celebrare alla grande.

zzz  lindo unfer al candoni.jpg - 11.63 Kb

zzz  coro di givigliano.jpg - 22.00 Kb

zzz  coro di timau al candoni 23 maggio 2015.jpg - 77.68 Kb

zzz  22381_10204021286827984_246160612705508242_n.jpg - 14.28 Kb

zzz  coro img_0178.jpg - 54.56 Kb

zzz  dogna ragazzi.jpg - 36.38 Kb

Ragazzi della Bielorussia in visita con gli alpini a Dogna....

zzz  resiutta.jpg - 20.02 Kb

A Resiutta, contrariamente a quanto accade un po' ovunque, il sindaco Nesich riconosce la cittadinanza italiana a questo baldo giovane africano con la sua famiglia da anni integrato al 100% nella valle del Fella....

zzz 006.jpg - 36.50 Kb

Da un raduno di alpini a un altro....

zzz  dscn8827.jpg - 42.57 Kb

Come andare in pensione e non annoiarsi, anzi....

zzz  gabri 3.jpg - 60.44 Kb

Giacomo Marcocig di Camporosso trionfa a Matera al festival internazionale....

zzz  gerardo.jpg - 20.53 Kb

Gerardo Pietrafesa e la sua grande passione per i ragazzi del pallone...

zzz  img949.jpg - 24.34 Kb

Di imbecilli è piena la terra: qui a Gorizia una mano stupida nottetempo ha danneggiato non solo il ricordo ma anche l'immagine dei tanti infoibati italiani ad opera dei titini...

zzz  img950.jpg - 23.09 Kb

zzz  img_1340.jpg - 62.68 Kb

Dante Ciani a Salino di Paularo celebra il suo cinquantesimo di matrimonio, nell'entrare in chiesa a sua insaputa ecco la marcia nuziale e il suo coro, quello dell'UTE schierato dietro l'altare per cantargli la messa solenne.... Quante lacrime!

zzz  judo.jpg - 95.74 Kb

Il Judo Club di Tolmezzo nella sua grandissima festa di ricorrenza...

 

Tanti, tanti i servizi su Voce della montagna, puntualmente in stampa mese dopo mese. Per ricevere a casa propria il giornale e seguire i tanti avvenimenti della montagna friulana, è necessario abbonarsi: appena 20 euro per l'Italia e 30 per l'estero. Solo così si potrà seguire quanto avviene di importante nell'arco montano friulano. Da trentatré anni in stampa, senza mai una crisi o una pausa.

 

 

 

 

 

 

 

 

La vera storia di Malga Bala

                                      23 – 25 marzo 1944: la storia di Malga Bala

di Antonio Russo

 Dino Perpignano, vice brigadiere, comandante, di Sommacampagna (Verona), nato il 21 agosto 1921 – Primo Amenici, di Santa Margherita d’Adige (Padova), nato il 5 settembre 1905 – Domenico Dal Vecchio, di Refrontolo (Treviso, nato il 18 ottobre 1924)  – Fernando Ferretti, di San Martino in Rio (Reggio Emilia), nato il 4 luglio 1920 – Lindo Bertogli, di Càsola di Montefiorino (Modena), nato il 19 marzo 1921 – Michele Castellano, di Rocchetta Sant’Antonio (Foggia), nato l’11 novembre 1910 – Attilio Franzan, di Isola Vicentina (Vicenza) nato il 9 ottobre 1913 – Rodolfo Colzi, di Signa (Firenze), nato il 3 febbraio 1920 – Adelmino Zilio, di Prozzolo di Camponogara (Venezia), nato il 15 giugno 1921 – Pasquale Ruggiero, di Airola (Benevento), nato il 11 febbraio 1924 – Pietro Tognazzo, di Pontevigodarzere (Padova), nato il 30 giugno 1912– Antonio Ferro, di Rosolina (Rovigo), nato il 16 febbraio 1923.

Sono i nomi dei 12 Carabinieri massacrati a Malga Bala, in Slovenia, sopra la Val Bausiza, nel circondario di Bovec (quella volta Plezzo), sabato mattina 25 marzo 1944, solo perché italiani.

Erano stati scelti dalle caserme della Tenenza di Tarvisio e della Compagnia di Tolmezzo, da cui dipendeva Tarvisio. Erano lì, da alcune settimane, a difesa della centralina idroelettrica che forniva corrente ai paesi del circondario e soprattutto alla miniera di Cave. Tutto il territorio, pur italiano, era del tutto germanizzato dall’occupazione nazista, che aveva trasformato questa zona in una semplice appendice germanica, dove vigevano e imperavano solo ed esclusivamente le aquile tedesche

cc vice brigadiere dino perpignano.jpg - 25.08 Kb  cc primo amenici.jpg - 113.27 Kb  cc rodolfo colzi.jpg - 391.49 Kb   cc pietro tognazzo.jpg - 178.78 Kb

  Vice Brigadiere Dino Perpignano          CC Primo Amenici                      CC Rodolfo Colzi                 CC Pietro Tognazzo

Erano stati catturati, quei Carabinieri in servizio alla centralina, con l’inganno la sera del giovedì precedente, 23 marzo, festa nazionale in quanto anniversario del Venticinquesimo di  fondazione dei Fasci. Costretti a prendere sulle proprie spalle quanto esistente nella piccola caserma situata sul piazzale antistante la centrale idroelettrica di Bretto Inferiore, erano stati obbligati ad arrampicarsi coi loro aguzzini fin sulla cima del monte Izgora, dove avevano dovuto trascorrere, all’addiaccio, la notte tra giovedì e venerdì, una notte gelata e stellata. Poi la discesa in Bausiza, mentre occhi lucidi di gente semplice seguiva ogni passo dalle proprie case. La sosta in uno stavolo, un pò di acqua e la ripresa del cammino fino all’interno della Bausiza. In serata il trasferimento, sempre a piedi e sempre sotto scorta armata, fino al pianoro di Logje, verso la Bala. Chiusi dall’esterno nel fienile, fu loro dato per cena pastone avvelenato con soda caustica, varichina e sale nero appositamente preparato dalle donne della famiglia di Lojs Kravanja. Una notte terribile, come la si può immaginare. La mattina dopo, sabato 25 marzo, la ripresa del cammino verso la Malga Bala, il luogo prescelto dai partigiani bolscevichi di Tito, tutti della zona di Bretto, Plezzo, Zaga e Caporetto, capeggiati da Franç Ursic, nome di battaglia Josko, coadiuvati da Silvo Gianfrate, originario di Foggia, Ivan Likar,  detto Socian, già operaio in miniera a Cave  e dal commissario politico del territorio Lojs Hrovat, di Plezzo. In tutto 22 partigiani. Da sottolineare che in periodo di guerra il vero comandante di un territorio non era e non è l’ufficiale più alto in grado bensì il commissario politico di quella zona e di quel raggruppamento. Nulla si fa senza il suo benestare! Il piano era stato studiato fin nei minimi particolari da Socian e approvato dai suoi compari di macchia. Erano i Carabinieri e solo i Carabinieri i veri rappresentati dell’Italia e quindi la loro vendetta doveva colpire proprio loro, per una vendetta atroce contro l’odiato nemico di sempre, l’Italia. Avrebbero potuto vendicarsi sui Finanzieri, sugli Alpini, sulla Milizia; no, il loro obiettivo era stato individuato proprio nei Carabinieri, gli unici che quella volta come adesso rappresentavano e rappresentano  l’Italia e il governo italiano più degli altri reparti in armi italiani. Ed era stato scelto proprio quel giorno di festa, il 23 marzo 1944, per l’attuazione di quel crimine che avrebbe lavato col sangue il loro profondo odio contro gli Italiani. Se avessero voluto vendicarsi uccidendo i Carabinieri, lo avrebbero potuto fare in qualsiasi momento dall’istante della cattura; invece no, i prigionieri dovevano essere portati fin sulla Malga e lì, in quell’immenso silenzio, tra rocce e cime innevate, sacrificarli sull’altare dell’odio.

Del tutto false e infondate le tesi di alcuni giornalisti o studiosi triestini, chiaramente di ideologie estremiste comuniste e spiccatamente di tendenza slovena, ma non si capisce perché continuano a vivere in Italia avendo il cuore oltre confine, che continuano ad affermare contro ogni evidenza che la “strage di Malga Bala” non c’è mai stata e che il tutto è pura invenzione di chi da anni e anni ha dato alle stampe edizione dopo edizione la vera storia di Malga Bala, frutto di centinaia e centinaia di interviste di diretti interessati, partigiani in primis.  Tra partigiani e Carabinieri non ci fu alcuno scontro armato. Il vero filo conduttore del tutto era l’odio covato fin nel profondo del cuore da questi partigiani comunisti di Tito nei riguardi dell’Italia, nemica da sempre e in particolare da quando il Fascismo italiano aveva imposto le proprie leggi. Il loro, quello dei partigiani, fu puro atto di vendetta atroce contro poveri innocenti inermi, i quali furono tenuti in vita per tre giorni solo per aumentarne le ansie, le aspettative, le sofferenze, diversamente non sarebbero stati preventivamente avvelenati, fino al sacrificio terribile e disumano sulla Malga Bala, in perfetto silenzio montano, come da programma ideato da Likar Socian di Bretto di Sotto e attuato da quei partigiani sloveni assetati di sangue e di vendetta. Non fu un semplice atto di guerra, come sostengono alcuni, se volevano, i partigiani, eliminare i Carabinieri, lo avrebbero fatto subito dopo la loro cattura o durante la loro cattura, nel far saltare in aria la caserma della centralina di Bretto.

Giunti in Malga, i Carabinieri furono rinchiusi nella stanzetta della stagionatura dei formaggi e, uno alla volta, spogliati, accaprettati con filo di ferro, costretti nel piccolo cucinino della Malga e affrontati col piccone. Finire un prigioniero o un avversario col piccone era un sistema in uso nel mondo comunista in segno di estremo dispregio verso il nemico, di umiliazione totale, di annientamento della sua dignità e personalità. Così a Malga Bala. Il comandante Perpignano intanto era stato uncinato a testa in giù a una trave della stanza e preso continuamente a calci nella testa, con le formiche attratte dal sangue che cercavano un pasto finalmente appagante. Sventrati, evirati, maciullati, singolarmente, subito dopo Lojs Kravanja e Bepi Flais tiravano il corpo maciullato del malcapitato fin sotto un grosso sasso nelle vicinanze e la mattanza ricominciava con un nuovo prigioniero.

cc adelmino zilio.jpg - 550.97 Kb cc antonio ferro.jpg - 150.30 Kb   cc attilio franzan.jpg - 475.37 Kb  cc domenico dal vecchio.jpg - 110.04 Kb

   CC Adelmino Zilio                     CC Antonio Ferro                       CC Attilio Franzan                   CC Domenico Dal Vecchio

Poi, finita la carneficina, mentre ricominciava a nevicare, i 22 eroici attivisti del comunismo di Tito, se ne discesero intavolando nei giorni successivi, nel tentativo di “purificare” la propria immagine, la teoria che a commettere quella strage fossero stati proprio  i tedeschi per riversare poi, malignamente, la colpa su quei poveri innocenti partigiani  del tutto ignari dell’accaduto.

Questa, in poche parole, la vera storia di Malga Bala, rimandando, per chi è seriamente interessato, alla lettura dei vari libri di storia di Antonio Russo e in particolare di Planina Bala, edizione 2011 o edizioni precedenti, di questo stesso autore. Tutto il resto è pura fantasia, è cercare di aggrapparsi agli specchi, quelli della cattiveria e del non voler vedere la realtà, intenzionalmente, per motivi etnici o politici. Nessuno di noi può o deve modificare un avvenimento storico; lo si può interpretare, vedere da angolazioni particolari come quando si osserva un quadro, ma la realtà, quella vera, non la si può assolutamente scalfire, piaccia o no. Né si possono aggiungere particolari scabrosi del tutto infondati come ha fatto quel maresciallo dei carabinieri  di Brescia coi suoi associati affermando che i Carabinieri prima di essere massacrati sono stati  sodomizzati e “sessualmente violentati”. Falso. I partigiani in quei momenti non erano travolti da istinti particolari se non quelli dell’odio contro di loro e contro gli italiani. Neanche le affermazioni completamente fuori ogni logica di quell’altro pseudo giornalista della zona di Rovigo, del tutto di parte e di estrema sinistra, che condanna i Carabinieri di Malga Bala elogiando i partigiani comunisti di Tito in quanto questi ultimi avrebbero agito più che bene, essendo gli italiani “repubblichini” sotto ogni aspetto. Baggianate di chi dorme al caldo e mangia a sazietà spudorata. In quel periodo essere “repubblichini” è come oggi essere “comunisti” o “cattolici” o “non cattolici”: sono, questi, atteggiamenti naturali, di vita, di comodo, non di scelta ponderata. Intanto i Carabinieri maciullati a Malga Bala non erano repubblichini come li si intende oggi a tanti anni di distanza e fuori da ogni mischia, ben seduti davanti a una scrivania; essi, i Carabinieri, erano stati naturalmente assegnati a quel reparto e a quegli incarichi, senza essere minimamente interpellati. Prima di giudicare dall’alto della propria scienza è necessario mettersi in quei giorni e in quei panni;  emettere poi sentenze così offensive e devastanti, illogiche  e senza alcun senso,  condividere positivamente l’operato di “quei” partigiani… beh, basta solo questo per annullare ogni altra riflessione al riguardo.

In quel periodo, è giusto ricordarlo, questo territorio dell’Alto Friuli era a tutti gli effetti territorio germanico e a nessuno era permesso “scegliere” o “opporsi“ o “agire contro corrente”. Di conseguenza, ogni altra considerazione è del tutto fuori luogo, specie se fatta oggi senza trasferirsi almeno mentalmente a quel periodo.

“Come foglie al vento”, “Alle porte dell’inferno”, “Planina Bala” nelle varie edizioni e ristampe, la storia dettagliata della strage di Malga Bala consacrata poi in “L’ultimo parroco di montagna” e “Dal Buric a Chiout Zuquìn, da Saps a Patocco ecc.” e in altri volumi , frutto di accurate ricerche, meticolose, mai confutate o contestate da chicchessia, in Italia e all’estero, ricerche pericolose al di sopra di ogni immaginazione, con centinaia e centinaia di interviste anche ai diretti interessati, partigiani viventi compresi, registratore ben aperto e funzionante sul tavolo,…: sono la documentazione storica di quanto avvenuto nell’Alto Friuli e in particolare a Malga Bala, frutto di passione e di caparbietà storica e giornalistica di Antonio Russo. Nessun altro, in particolare quel maresciallo di Brescia tanto decantato da alcuni ciechi tarvisiani improvvisati giornalisti o storici o critici o politici dalle diverse calzature e giacche, a seconda dell’occasione, possono vantarsi o accollarsi meriti che non hanno mai guadagnato. Non per altro e solo per questo nel luglio del 2010, dopo il conferimento alla memoria della medaglia d’oro al valor civile ai Martiri di Malga Bala da parte dello Stato Italiano, il sottoscritto è stato invitato, ricevuto e onorato oltre che premiato al Comando generale dell’Arma dei Carabinieri a Roma, alla presenza dello Stato Maggiore dell’Arma capeggiato dal generale Leonardo Gallitelli.

cc fernando ferretti.jpg - 95.88 Kb  cc lindo bertogli.jpg - 247.50 Kb   cc michele castellano.jpg - 217.51 Kb   cc pasquale ruggiero.jpg - 242.62 Kb

CC Fernando Ferretti             CC Lindo Bertogli                   CC Michele Castellano                     CC Pasquale Ruggiero

Una vicenda strana questa dei 12 Martiri di Malga Bala, prima del tutto dimenticata, dalle istituzioni e dalle divise, tenuta nascosta quasi fosse una vicenda di cui vergognarsi; poi ognuno ha cercato o sta cercando di cavalcare la loro triste storia finale per scopi propagandistici o di accaparramento esclusivista.

Inginocchiamoci invece sulle loro tombe e sui loro ricordi, in silenzio, unitamente ai loro familiari che solo grazie a “Planina Bala” e agli altri volumi di Antonio Russo hanno appreso finalmente della triste fine dei loro congiunti. Sono Martiri, Carabinieri, sacrificati dall’odio e dalla vendetta solo perché italiani. E preghiamo Iddio che fatti del genere non si ripetano, anche se le condizioni storiche e sociali sono sempre quelle, purtroppo, se non peggiori!

Settantunesimo di Malga Bala

imgx7248-0019.jpg - 89.69 Kb

                                      In ricorrenza della strage di Malga Bala

Anche quest’anno,  mercoledì 25 marzo la tradizionale ricorrenza in ricordo della strage di Malga Bala a Tarvisio con la celebrazione della santa messa in mattinata e la commemorazione dei 12 carabinieri, trucidati a picconate dai partigiani comunisti slavi a coronamento del profondo odio contro l’Italia e gli italiani di tanta parte della Jugoslavia di quegli anni. L’anno scorso la ricorrenza solenne, quest’anno secondo la tradizione, in semplicità, come amano sottolineare i Carabinieri. Ci saranno tutte le alte sfere dei Carabinieri regionali, provinciali e locali, ma niente di particolare. Lo scorso anno cerimonie solenni, quasi storiche, con apposita  mostra , serata corale interamente incentrata su Malga Bala, conferenze per le scolaresche, proiezione di filmati, soggiorno di tanti parenti di quei Martiri e infine la partecipazione del comando generale dell’Arma col generale Leonardo Gallitelli, da Roma, secondo quanto lo stesso aveva garantito all’organizzatore delle varie manifestazioni Toni Russo, nel proprio comando di Roma mesi prima.

Nella foto il carabiniere di Chioggia Armando Costa visitato a casa sua dall’autore  di Planina Bala. E’ stato uno di quelli che era andato sui a Malga Bala a recuperare i resti dei Carabinieri. In foto con la figlia.

 

imgx7280-0044.jpg - 62.50 Kb

 

Da mese a mese, senza sosta

Interessantissima nostra intervista al Direttore della Riserva di caccia di Pontebba, Mario Agnola, su tutte la varie problematiche della caccia ai giorni nostri, data la presenza, "voluta" da chi comanda senza tener conto di cosa vuole la gente, della lince, dell'orso e tra poco del lupo....

 

Nuova sede a Gorizia della  Sezione ANC, l'associazione carabinieri in pensione presieduta da anni e anni da Giovanni Guarini...

La lettera al nostro mensile del dottor Antonio Covassi di Ovaro ha ottenuto uno strepitoso successo, tra Voce della montagna, Facebook e sito migliaia e migliaia di lettori hanno seguito e commentato le sue dichiarazioni sul Pronto Soccorso dell'Ospedale di Tolmezzo.

 

Gerardo Pietrafesa ha partecipato con un'ottima squadra di calcio della Giovanile a Roma.... Ottimo il gemellaggio tra i ragazzi friulani e i pari età di Bernalda, in provincia di Matera...

Madre Maria, al centro nella foto, è la nuova badessa dell'abbazia delle Clarisse di Moggio....

Sergio Buzzi, vice sindaco di Pontebba, faccia a faccia col nostro giornale sulle varie problematiche locali in vista dell'arrivo non voluto dalla gente di numerosi exztracomunitari....

Stefano Temel, uno dei pochi sopravvissuti del piroscafo Galilea, ricordato da Voce della montagna.....

 

Grandissimo rimpianto in Carnia, e non solo, a quasi un anno dalla sua scomparsa, dell'imprenditore Nino Basso di Cerneglons, da una vita a Tolmezzo...

Grandissimi le preoccupazioni a Pontebba e nel territorio circostante sull'incomprensibile silenzio della Regione e del comune di Pontebba sul tanto atteso sviluppo turistico di Pramollo, tanto che tutti ormai sono convinti che tutto è stato un grandissimo "bluff" politico col solo scopo di ......

 

Assemblea generale del CAI di Pontebba del presidente Gabriele Vuerich,  tantissimi gli argomenti all'ordine del giorno e soprattutto la situazione reale e in prospettiva della ex baita Winkel, ormai della Regione.

Una grande piscina a Ovedasso....aprirà i battenti ai primi del giugno prossimo.

Una straordinaria foto di Gianfranco Martina su Dogna, dove è stato messo in preallarme un defibrillatore comunale....

 

Come da tradizione grandissime polemiche a Pontebba sulla mancata organizzazione del carnevale ad opera della pro Loco un ente che manca del tutto da diversi anni all'appello. A salvare l'immagine della montagna friulana i ragazzi e le ragazze di Pontafel con la meravigliosa organizzazione della TAE, una festa carnevalesca secolare....

 

Questi in sunto alcuni dei tanti servizi di Voce della montagna di questi primi mesi dell'anno in corso. Ma sono tantissimi gli argomenti a disposizione dei propri abbonati. Si ricorda che per seguire Voce della Montagna è necessario abbonarsi; il costo annuale è di appena 20 euro per l'Italia e di 30 per l'estero. E' l'unico sistema per poter seguire a casa propria  quanto accade o si pensa o si dice nell'Alto Friuli.

Planina Bala

News image

Planina Bala, Terza Edizione 2011, rinnovata e ampliata Continua

La Resistenza è nata a Tarvisio

News image

Antonio Russo è l’autore italiano che ha portato alla luc... Continua

Abbonamenti e acquisto libri

Come stipulare o rinnovare l’abbonamento a Voce della Mont... Continua

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati . To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information